Vino Aleatico di Puglia DOC - Vendita Aleatico di Puglia DOC, vendita vino on line, vasto assortimento vino Aleatico di Puglia

 
  HOMEPAGE I NOSTRI VINI RICETTE TIPICHE L'ANGOLO DEL SOMMELIER PROMOZIONI CONTATTI  
 

 IL TUO CARRELLO

Articoli nel carrello: 0

Totale spesa: € 0,00

 I NOSTRI PRODOTTI
VINI ROSSI
VINI ROSATI
VINI BIANCHI
VINI DA DESSERT
SPUMANTI/CHAMPAGNE
GRAPPE

 SERVIZIO CLIENTI
Chi siamo
Come acquistare
Spedizioni
Diritto di recesso
Sicurezza
Pagamenti
Privacy e note legali

 FAI UN REGALO
 
Regalati o regala una splendita confezione di vini pregiati pugliesi



  
 
Per le tue vacanze in Puglia:

Villaggi Puglia
 

 I VINI DOC DI PUGLIA - ALEATICO DI PUGLIA D.O.C.
   
Di sapore pieno e moderatamente dolce, l'Aleatico ha una gradazione minima di 15 gradi e si produce nella tipologia "Dolce naturale" e "Liquoroso dolce naturale". In quest'ultima versione, il leggero appassimento delle uve innalza il tasso minimo di alcolicità fino ai 18,5 gradi. Se supera i tre anni di invecchiamento può portare in etichetta la qualifica di "Riserva". L'Aleatico di Puglia Doc è un vino dolce naturale che si produce in Puglia da tempo immemorabile. L'omonimo vitigno è già citato da Pier de' Crescenzi nel 1303, il quale, però, non dà cenno sulle sue origini. Secondo alcuni, sono da ricercare in Grecia, altri ritengono invece che la vite sia di provenienza toscana, probabilmente ottenuta da una mutazione del Moscato nero.

Come si consuma

L'Aleatico di Puglia Doc è un vino da dessert che si gusta prevalentemente con preparazioni dolci a pasta non lievitata, come crostate alla marmellata di frutti rossi, "mendule turrate" (mandorle tostate con zucchero) e pasticceria secca a base di pasta di mandorle. Il periodo ottimale di consumo è entro cinque anni dalla vendemmia, anche se la tipologia Riserva, nelle migliori annate, si può degustare entro i dieci anni. L'Aleatico Doc va servito in calici per vini dolci passiti a una temperatura di 12-14°C o 14-16°C se si tratta della versione Riserva.

Come si conserva

Per la corretta conservazione dell'Aleatico, non vi sono regole particolari da seguire: è sufficiente tenere il vino al buio, a una temperatura costante fra 10 e 15°C. Per impedire che il tappo si asciughi, l'umidità deve aggirarsi intorno al 70-75%. Le bottiglie vanno conservate in posizione orizzontale su scaffalature di legno.

Come si produce

E' vietata ogni pratica di forzatura nel processo produttivo dell'Aleatico di Puglia Doc . Le uve destinate alla vinificazione devono garantire al vino una gradazione alcolica complessiva minima naturale di 14°. È consentito un lieve appassimento delle uve sulla pianta o su stuoie, mentre il sistema di preparazione del vino è quello tradizionale della zona, con l'esclusione di ogni correzione a mezzo di concentrato e qualsiasi concentrazione a eccezione di quella a freddo. L'Aleatico non può essere immesso al consumo prima del 1° marzo dell'anno successivo all'annata di produzione delle uve. Può essere sottoposto a invecchiamento.
DOC DI PUGLIA
Aleatico di Puglia
Alezio
Brindisi
Cacc'e mmitte di Lucera
Castel del Monte
Copertino
Galatina
Gioia del Colle
Gravina
Leverano
Lizzano
Locorotondo
Martina Franca
Matino
Moscato di Trani
Nard˛
Orta Nova
Ostuni
Primitivo di Manduria
Rosso Barletta
Rosso Canosa
Rosso di Cerignola
Salice Salentino
San Severo
Squinzano


FONTE: www.naturalmenteitaliano.com



 
© Vinidelsalento.it - Tutti i diritti riservati - LINCIANO LIQUORS SRL - P. IVA 03670440753 - Via Duca degli Abruzzi, 59 Lecce (LE)